montjovet_slide1.jpg

DOMANDA DI ADESIONE ALLE MISURE DI INCLUSIONE ATTIVA E DI SOSTEGNO AL REDDITO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDA DI ADESIONE ALLE MISURE DI INCLUSIONE
ATTIVA E DI SOSTEGNO AL REDDITO, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2015, N. 18.


IN COSA CONSISTE
E’ una misura di inclusione attiva e di sostegno al reddito a favore di nuclei familiari (anche se composti di
una sola persona) maggiormente esposti al rischio di marginalità nella società e nel mercato del lavoro. Si
tratta di un intervento monetario di importo variabile da euro 450,00 ad euro 550,00 erogato mensilmente
da Finaosta S.p.A., fino ad un massimo di 4.400,00 euro.
Per ottenere il beneficio il richiedente e, laddove previsto, altri componenti del nucleo familiare, devono
sottoscrivere un Patto di inclusione, che consiste in una serie di azioni mirate ad obiettivi di inclusione
sociale, di formazione, di occupabilità e di inserimento lavorativo, nonché di riduzione dei rischi di
marginalità connessi all’intero nucleo familiare.
La misura può essere concessa per massimo cinque mesi, eventualmente prorogabili di ulteriori tre mesi,
dopo una sospensione di almeno un mese, nel caso in cui il patto di inclusione, avviato con esito positivo,
necessiti di un ulteriore periodo di tempo per la sua completa realizzazione.
CHI PUO’ ACCEDERE
Può accedere il soggetto che, alla data di presentazione della domanda, è in possesso dei seguenti requisiti:
a) aver compiuto 25 anni;
b) essere in possesso di un ISEE ordinario o corrente, in corso di validità, non superiore a euro 6.000,00;
c) con riguardo alla cittadinanza, essere in una delle seguenti condizioni:
· cittadino italiano
· cittadino di Stato appartenente all’Unione europea regolarmente soggiornante in Italia
· cittadino extracomunitario titolare di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
d) essere residenti nel territorio regionale per un periodo ininterrotto di almeno 24 mesi;
e) avere rilasciato la dichiarazione di immediata disponibilità (DID) allo svolgimento dell’attività lavorativa
e aver sottoscritto il Patto di servizio con uno dei Centri per l’impiego presenti sul territorio regionale;
oppure essere occupato con un reddito inferiore al reddito annuale minimo escluso da imposizione
fiscale, derivante da partita IVA attiva e/o altro lavoro autonomo (reddito inferiore ad euro 4.800,00),
e/o lavoro subordinato e/o lavoro parasubordinato (reddito inferiore ad euro 8.000,00);
f) aver prestato attività lavorativa subordinata, e/o parasubordinata, e/o autonoma e/o accessoria o aver
avuto una partita IVA attiva, per un periodo minimo di 365 giorni anche non continuativi, nei cinque
anni antecedenti la data di presentazione della domanda; oppure essere iscritto come disoccupato
presso uno dei Centri per l’impiego regionali da almeno 24 mesi;
g) non aver maturato i requisiti per la pensione;
h) non aver usufruito del beneficio economico, in qualità di richiedente o componente il nucleo familiare, a
seguito di domanda presentata dal 22 febbraio 2016 al 31 marzo 2016.
NON CUMULABILITA’
Il beneficio economico non è cumulabile con:
a) trattamenti di cassa integrazione, di indennità di mobilità, di indennità di disoccupazione;
b) interventi assistenziali erogati dallo Stato o dalla Regione ad esclusione:
· delle misure di contrasto alla povertà di cui al decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche
Sociali 26 maggio 2016
· dei contributi volti a ridurre la spesa sostenuta per il canone di locazione (l.r. 3/2013)
· dei contributi per le spese per il riscaldamento domestico (l.r. 43/2009)
· delle provvidenze economiche di cui alla l.r. 11/1999, se l’importo annuo non supera, per
l’intero nucleo familiare, il reddito annuale minimo escluso da imposizione fiscale (euro
8.000,00).
Non costituiscono trattamenti assistenziali le eventuali esenzioni o agevolazioni per il pagamento di tributi,
le riduzioni nella compartecipazione al costo dei servizi nonché erogazioni di buoni servizio o voucher che
svolgono la funzione di sostituzione di servizi. Non rientrano altresì nel computo dei trattamenti le
erogazioni relative ad assegni, premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale ovvero
altre analoghe misure di sostegno.
AMMONTARE DEL BENEFICIO ECONOMICO
Il beneficio economico mensile, spettante a ciascun nucleo familiare, varia in ragione del reddito ISEE, come
sotto riportato:
ISEE Importo mensile
0,00 – 5.000,00 550,00
5.000,01– 5.500,00 500,00
5.500,01 – 6.000,00 450,00
DOMANDA DI ACCESSO
Quando: può essere presentata dal 15 settembre 2017 al 31 agosto 2018. Si fa presente in ogni caso che
le domande saranno accettate fino ad esaurimento delle risorse finanziare.
Dove: presso il Centro per l’Impiego o lo Sportello sociale competenti rispetto al proprio luogo di
residenza.
Come: mediante apposito modulo, allegato al presente avviso. Sia l’avviso che il modulo sono
pubblicati sul sito Istituzionale della Regione al seguente indirizzo:
http://www.regione.vda.it/lavoro/cittadini/inclusione_attiva_sostegno_al_reddito_i.aspx
Allegati: copia dell’attestazione ISEE
copia documento di identità personale (se modulistica già firmata o trasmessa per posta)
copia del permesso di soggiorno (ove necessario)
DECADENZA DAL BENEFICIO
Il beneficiario decade dalla misura quando:
a) dichiari il falso, all'atto della presentazione della domanda o delle successive integrazioni, in ordine
anche a uno solo dei requisiti previsti, ovvero ometta di dichiarare eventuali variazioni sopravvenute. In
tali ipotesi, il beneficiario è tenuto alla restituzione di quanto indebitamente percepito e dei relativi
interessi maturati. Fino alla restituzione, ferme restando le conseguenze civili e penali, il soggetto non
può richiedere l'erogazione di altri contributi regionali, anche qualora dovessero ricorrerne i
presupposti;
b) abbia maturato i requisiti per il trattamento pensionistico;
c) perda, in base alle disposizioni vigenti, lo stato di disoccupazione oppure, se lavoratore autonomo,
chiuda la partita IVA;
d) rifiuti una congrua offerta di lavoro o di partecipazione a programmi di formazione specificatamente
finalizzati al reinserimento nel mercato del lavoro, proposta dal centro per l'impiego o dallo sportello
sociale territorialmente competenti;
e) non rispetti il patto di inclusione per cause riferite al beneficiario stesso;
f) abbia perso la residenza nel territorio regionale.
INFORMAZIONI VARIE
Per informazioni è possibile rivolgersi:
· ai Centri regionali per l’impiego:
 C.P.I. AOSTA : 0165/271311 – Via Colonnello Alessi, 4
 C.P.I. MORGEX: 0165/809681 – Piazza della Repubblica, 1
 C.P.I. VERRÈS: 0125/929443 – Via Caduti della Libertà, 1
· agli Sportelli Sociali (n. verde: 800.585.588)
 MORGEX: Poliambulatorio - Viale del Convento, 2
 VILLENEUVE: c/o Consultorio – Via Pierino Chanoux, 37;
 GIGNOD : Unité des Communes valdôtaines G. Combin – Fraz. Chez Roncoz, 29/i
 QUART : Unité des Communes valdôtaines Mont Emilius – Loc. Champeille, 8
 CHÂTILLON : Comune – Via Emile Chanoux, 13
 VERRES: c/o Consultorio – Via Amilcare Crétier, 7
 PONT-SAINT-MARTIN : Unité des Communes valdôtaines Mont Rose – Via Perloz, 44
 AOSTA : Comune – Piazza Chanoux, 1

 

 

Leggi tutto...

Notizie

Questionario valutazione grado di soddisfazione degli utenti relativamente ai servizi on line erogati dalla Regione

La struttura Comunicazione istituzionale e cerimoniale, in collaborazione con la struttura Sistemi informatici e tecnologici, ha predisposto un questionario per valutare il grado di soddisfazione degli utenti relativamente ai servizi on line erogati dalla Regione, al fine di apportare i necessari miglioramenti nella comunicazione telematica e raggiungere maggiormente l'utenza valdostana.

Il questionario e' visibile al seguente indirizzo:http://sondaggi.regione.vda.it/index.php/877277?lang=it

 

Portale "Benessere Sociale in Valle d'Aosta"

l 15 giugno 2017 è stato presentato agli organi di stampa il nuovo portale web http://www.sociale.vda.it/, dedicato al benessere sociale in Valle d’Aosta. 

Il portale Benessere sociale in Valle d’Aosta nasce dalla collaborazione tra la Struttura centro unico retribuzioni e fiscale, procedimenti disciplinari, CUG e concorsi della Presidenza della Regione, la Struttura Politiche sociali e giovanili dell’Assessorato della sanità, salute e politiche sociali, il Comitato unico di Garanzia, il Consiglio regionale della Valle d'Aosta, il Piano di zona della Valle d’Aosta, il Comune di Aosta in qualità di comune capofila, il Consiglio permanente degli Enti locali, il mondo del volontariato e della cooperazione sociale della Valle d’Aosta. 

In un ambiente informatico, dinamico ciascun cittadino potrà raccogliere informazioni su servizi, prestazioni, contributi e sussidi gestiti da soggetti pubblici e privati. La mappatura delle informazioni è stata articolata dopo aver raccolto materiali messi a diposizione da tutti i partners, in quasi due anni di lavoro. La navigazione è user-friendly, e le sezioni sono ragionate sulle peculiari esigenze dei cittadini: prima infanzia, adulti, persone anziane o persone con disabilità.

Finanze e Tributi

IUC: IMU - TARI - TASI

Tariffe IUC anno 2017 per IMU, TARI e TASI. Si allegano anche i relativi regolamenti

Servizi Cimiteriali

Nuove Tariffe Servizi Cimiteriali

Si comunica che con delibera di Giunta n. 14 del 05.04.2017, sono state fissate le nuove tariffe per i servizi cimiteriali con decorrenza 1° maggio 2017.

Piano di gestione e della Performance 2017/2019

Si comunica che la Giunta comunale, con propria deliberazione n. 19 del 19/04/2017, ha approvato il Piano di gestione e della Performance per il triennio 2017-2019.

Campagna informativa per attivazione in Valle d'Aosta del 112 Numero Unico Europeo

Si comunica che da martedì 11 aprile 2017 sarà attivato sull'intero territorio regionale il nuovo Numero Unico Europeo dell’Emergenza, 112.

Il Numero Unico Emergenza 112 risponde a tutte le chiamate di emergenza e garantisce un’unica “prima risposta” a tutte le chiamate di soccorso.

http://www.regione.vda.it/protezione_civile/112/default_i.aspx